Roma, 5 Agosto 2021 - 22:55

Parole romane

Marco Lodoli

Scrittore, giornalista e insegnante

11 Aprile 2020

Se devo dì la cosa che me manca

Se devo dì la cosa che me manca,
la prima ner registro dell’assenti,
subbito te direi la vespa bianca,
quella che me portava ai quattro venti
quanno che l’anima ammosciata, stanca
de regge er tempio de’ cori scontenti
diceva cazzo stai a fa su sta panca,
ma nun lo vedi proprio, nun lo senti?
Ma cosa, dove? ‘N ciò gnente da fa,
nun m’aspetta nessuno, mo ‘ndo vado?
Accendi sto vespino e daje gas,
mica vorrai ammuffì ‘n’un metro quadro,
ruba co l’occhi tutta sta città,
che la tristezza è guardia e tu sei ladro.

 

Marco Lodoli

LEGGI il sonetto “Ce vorebbe ‘n lenzolo pe calasse”

LEGGI il sonetto “Vabbè però adesso nun fa er matto”

LEGGI il sonetto “Mo’ stamo sotto schiaffo der morbone”

LEGGI il sonetto “Ogni mattina ricomincia Roma”

Sostieni RomaH24 Sostieni RomaH24
grazie

LASCIA UN COMMENTO!