Roma, 6 Agosto 2021 - 0:15

Parole romane

Marco Lodoli

Scrittore, giornalista e insegnante

18 Aprile 2020

E così amo scoperto che se more

E così amo scoperto che se more:
prima pareva na cosa africana,
na zozzeria de gente lontana
che vive tra le bombe e deve core,
che dura un gnente disotto la frana
de disgrazzie infinite, come ‘n fiore
che nasce pe campà le poche ore
e poi s’ammoscia e subbito se spiana.
“E ce dispiace”, dicevamo e forze
buttavamo du spicci sur gradino
de chi sarta la falce finché regge:
e adesso invece giramo co le borze
pe magnà anche domani e l’assassino
gira co noi, perché questa è la legge.

 

Marco Lodoli

LEGGI il sonetto “Se devo dì la cosa che me manca”

LEGGI il sonetto “Ce vorebbe ‘n lenzolo pe calasse”

LEGGI il sonetto “Vabbè però adesso nun fa er matto”

LEGGI il sonetto “Mo’ stamo sotto schiaffo der morbone”

LEGGI il sonetto “Ogni mattina ricomincia Roma”

Sostieni RomaH24 Sostieni RomaH24
grazie

LASCIA UN COMMENTO!