Roma, 5 Agosto 2021 - 22:51

Parole romane

Marco Lodoli

Scrittore, giornalista e insegnante

5 Aprile 2020

Ce vorebbe ‘n lenzolo pe calasse

Ce vorebbe ‘n lenzolo pe calasse
fori da sta prigione che ce strigne,
‘n lenzolo ancora callo de quer sesso
fatto de core a diciott’anni, a intigne
forte p’annà a scoprì s’ortre te stesso
c’è n’artro monno, na porta da spigne
pe vedé ‘n cielo grande, azzurro e rosso,
n’amore immenso ch’arde e nun se spegne.
Po’ annà puro er lenzolo de la febbre
che t’arzava in tre notti de na spanna,
o quello pigro fino a mezzoggiorno:
poi arivava er caffè fatto da mamma
ed era n‘ bacio nero sulle labbra:
solo ‘n lenzolo, pe uscì da st’inferno.

 

Marco Lodoli

LEGGI il sonetto “Vabbè però adesso nun fa er matto”

LEGGI il sonetto “Mo’ stamo sotto schiaffo der morbone”

LEGGI il sonetto “Ogni mattina ricomincia Roma”

 

Sostieni RomaH24 Sostieni RomaH24
grazie

LASCIA UN COMMENTO!