Roma, 5 Agosto 2021 - 22:10

Parole romane

Marco Lodoli

Scrittore, giornalista e insegnante

22 Marzo 2020

Mo’ stamo sotto schiaffo der morbone

Mo’ stamo sotto schiaffo der morbone,
no schifo ch’è strisciato dall’oriente,
ma forse era già qui, sto gran ciartrone
ce voleva abbraccià come ‘n serpente.
Forse ce stava dentro, che puzzone,
era parte de noi, vento der gnente
ch’ha voja de sbracà er superbone,
er fico, lo spocchioso ‘ntelligente.
Ce lo ricorda, semo paja e fanga,
quattro zeppi ‘ncollati co lo sputo,
coremo per il monno ma la vanga
è pronta a spigne tutti nell’imbuto.
Però sta Roma trema e poi la sfanga:
da li balconi canta, e er morbo è muto.

 

Marco Lodoli

LEGGI il sonetto “Vabbè però adesso nun fa er matto”

LEGGI il sonetto “Ogni mattina ricomincia Roma”

Sostieni RomaH24 Sostieni RomaH24
grazie

LASCIA UN COMMENTO!