Prati | Articoli

EXTRANEWS – Abbiamo chiesto a una mamma del quartiere cosa cambierebbe a Prati

di Alessio Ramaccioni

Un quartiere a misura di mamma? Non del tutto, anche se “potrebbe andare peggio”. Giovanna Montalbano ha due bimbe, vive nel quartiere e conosce Prati, nel bene e nel male.“Cinque cose che vorrei cambiare come mamma? Te lo dico subito!”, dice sorridendo.

Partiamo: l’inizio è dedicato a parchi e giardini: “Sono pochi e male attrezzati. Giostre rovinate, degrado, poca manutenzione. Un’area giochi attrezzata rappresenta un’importante valvola di sfogo per figli e genitori, oltre che un luogo di socializzazione e confronto. Dovrebbe esserci una maggiore attenzione da parte di chi amministra”. Eppure negli ultimi tempi qualcosa si è mosso: la riqualificazione del parco di via Plava o gli interventi a piazza Strozzi: “Certo, sono novità importanti che ho notato, io come le altre mamme con cui parlo. Ma non sono sufficienti”.

Andiamo avanti: il secondo tema è la sicurezza. “È un argomento delicato: anche qui, dopo il confronto con altre mamme, ho verificato che le questioni che ci stanno a cuore sono le stesse per tutti”. La seconda cosa che per una mamma di Prati è importante avere, e che manca, è la sicurezza stradale: “Le strisce pedonali. Molte sono cancellate, non si vedono, le macchine e le moto non si fermano. Per chi gira con bimbi piccoli, o in passeggino, è un pericolo e una preoccupazione”.

Il terzo punto riguarda sempre la sicurezza: “Parcheggiare i motorini sul marciapiede è una cattiva abitudine in tutta la città, in questo quartiere si verifica spesso. Per evitare il traffico, o per trovare il parcheggio, non si fanno scrupoli a sfrecciare in mezzo alle persone. Non ho mai visto un vigile intervenire, o quantomeno appostarsi per prevenire questo fenomeno. Eppure capita tutti i giorni, ovunque”.

Passiamo al quarto punto: il degrado del territorio: “Non è solo una questione estetica, che comunque è importante per i bambini. L‘immondizia non raccolta, il cattivo odore, i topi e gli uccelli che scorrazzano tra i rifiuti. Tutto questo non va bene. Non è una caratteristica solo di questo quartiere, lo so, ma io vivo qui  e con queste strade mi confronto tutti i giorni”.

Non solo rifiuti, ma anche la scarsa manutenzione: “Certamente – aggiunge Giovanna -, per degrado intendo anche la poca cura del territorio e i rischi che da questo scaturiscono: basta guardare quello che sta avvenendo con gli alberi”.

L’ultimo elemento negativo che la nostra mamma segnala fa riferimento sia all’inciviltà delle persone che alle mancanze dell’Amministrazione: “Le auto parcheggiate sulle strisce pedonali o di fronte ai luoghi di transito, unito alla mancanza – o la pessima condizione – delle pedane per salire e scendere dai marciapiedi è un problema per chi utilizza i passeggini ma non solo: penso ovviamente ai disabili e a quanto possa essere  faticoso per loro spostarsi”.

LEGGI la extranews sugli scooteristi

LEGGI la extranews sugli episodi storici del quartiere

LEGGI la extranews sul portiere di viale Mazzini

LEGGI la extranews sugli studenti

LEGGI la extranews sui ciclisti

LEGGI la extranews sul misterioso uomo che palleggia con la testa

LEGGI la extranews su Pantera Rosa