Prati | Articoli

EXTRANEWS – Uno scooterista spiega le tre cose che vorrebbe cambiare nel nostro quartiere

di Alessio Ramaccioni

Solo tre cose da cambiare nel quartiere? Sono poche!”. Marco Leofreddi è nato e cresciuto in Prati: casa, scuola, per un periodo anche il lavoro. Adesso deve spostarsi un po’: fino al Lungotevere, poco prima di Trastevere. Ma il quartiere lo attraversa tutto, ogni mattina: “Non solo per lavoro, anche per le mie questioni personali: ho solo lo scooter, lo utilizzo per ogni cosa”.

Come molti romani, il percorso è stato un classico: dal motorino cilindrata 50 dell’adolescenza e dei vent’anni, agli “scooteroni” che ormai sono diventati uno degli standard di mobilità per la città: “Roma non è – paradossalmente – un posto facile per le due ruote, anche se in tanti le usano per spostarsi”.

Arriviamo al dunque: cosa non va in Prati secondo chi usa moto e scooter per muoversi? “Innanzitutto le condizioni delle strade. Tra buche, avvallamenti e tombini malmessi, è un rischio continuo: di cadere, di farsi comunque male alla schiena e di rompere qualcosa”. Sì, perché il pessimo stato delle strade hanno anche questa caratteristica: aumentare – spesso a dismisura – i costi di manutenzione dei mezzi: “Gomme bucate, sospensioni rovinate, cerchioni storti… ogni anno se ne vanno diverse centinaia di euro in meccanici e gommisti”.

E gli altri due problemi che vorresti risolvere? “Mi verrebbe da dire il traffico, ma forse è banale. Per cui dico i parcheggi: Roma è piena di motorini, moto e scooter, eppure i posti riservati a questi mezzi sono pochi. Spesso siamo costretti a parcheggiare sui marciapiedi, creando un disagio a chi si muove a piedi e rischiando anche una multa”.

Manca una “questione calda” all’appello: Marco ci pensa un attimo, e poi risponde: “La testa degli automobilisti, di chi guida camion e furgoni, a volte persino gli autisti dei bus: sembrano ignorare l’esistenza di chi si sposta su due ruote. È vero che tante volte guidiamo in maniera un po’ spericolata, anche per evitare il traffico. Ma spesso vedo fare ad automobili e camion manovre folli, che mettono a rischio anche la vita di chi sta su uno scooter ed è inevitabilmente meno protetto”.

LEGGI la extranews sugli episodi storici del quartiere

LEGGI la extranews sul portiere di viale Mazzini

LEGGI la extranews sugli studenti

LEGGI la extranews sui ciclisti

LEGGI la extranews sul misterioso uomo che palleggia con la testa

LEGGI la extranews su Pantera Rosa