Pinciano | La storia

Villa Borghese, il 16 maggio 1605 Camillo Borghese diventa Papa

di Camilla Palladino

Oggi, 414 anni fa, Camillo Borghese diventava Papa con il nome di Paolo V. Un anno dopo, avrebbe iniziato a prendere forma il maestoso progetto per la realizzazione di Villa Borghese. Ma partiamo dall’inizio.

Camillo Borghese diventa Papa il 16 maggio 1605 e subito adotta ufficialmente suo nipote, Scipione Caffarelli. In poco tempo, lo nomina cardinale della Santa Romana Chiesa e Segretario di Stato. Scipione, forte del potere derivatogli dal cognome e dalle insegne della famiglia Borghese, si fa promotore di grandi opere. Ma una tra tutte segnerà la storia e la struttura del nostro quartiere.

Si tratta di Villa Borghese, nata come residenza extraurbana, il cui nucleo più antico – una piccola vigna fuori da Porta del Popolo, sulla Flaminia – apparteneva alla famiglia Borghese già dal 1580. Da quell’area, Scipione si allarga. Terreno dopo terreno, il nipote del Papa acquisisce l’intera zona che oggi comprende l’enorme villa monumentale del quartiere.

Villa Borghese resta di proprietà della famiglia per diverse centinaia di anni, fino all’inizio del Novecento. Poi, la grande area verde diventa dello Stato. E da allora ne possono godere tutti i residenti del territorio.