Prati | La Storia

19 dicembre 1957: nasce in via Teulada il centro di produzione Rai

di Sergio Campofiorito

Il centro di produzione Rai di via Teulada 66 compie 62 anni. Era il 19 dicembre 1957 quando, su progetto dell’architetto Francesco Berarducci, veniva inaugurata la sede, la prima struttura in Italia pensata e realizzata appositamente per la produzione televisiva.

In questo edificio vengono battezzati programmi che hanno fatto la storia della televisione, come “Il Musichiere” (chiamato in origine “Conosci questo motivo?”), condotto da Mario Riva proprio dal dicembre 1957. Era un gioco musicale a quiz, ideato sulla base di un format dell’americana Nbc, “Name the tune”. Tra i tanti ospiti speciali, ci sono stati anche Fausto Coppi e Gino Bartali, i due grandi campioni – rivali del ciclismo.

Il “Campionissimo” e “Ginettaccio” intonano un duetto molto particolare, una versione “parodica” di “Come Pioveva” di Armando Gill: “C’eravamo tanto amati per vent’anni o forse più. C’eravamo punzecchiati sui giornali e alla tv”. L’esibizione si conclude con riferimento, neanche tanto velato, al doping con Coppi che canta: “Giri d’Italia ne ho vinti tanti, senza mai prendere droghe eccitanti” e Bartali che ribatte “Giri d’Italia lui sì ne vinceva tanti, ma le prendeva, oh! se le prendeva”.

Il 1957 fu anche l’anno del Carosello, il primo format televisivo esclusivamente pubblicitario. Ogni sketch dura un minuto e quarantacinque secondi ed è seguito dal messaggio pubblicitario di trenta secondi. È così che nascono i miti dell’infanzia degli anni ’60, come Calimero (che promuoveva un detersivo), l’Omino coi baffi (una caffettiera), Carmencita e il caballero (una marca di caffè).

“E dopo il Carosello, tutti a nanna”: alla fine della trasmissione che partiva da via Teulada, i genitori mandavano così a letto i propri figli.

Sostieni RomaH24 Sostieni RomaH24
grazie