Roma, 5 Aprile 2020 - 7:32

Essere Roma Nord

Sandra Naggar

Artista, voce del comitato Don Minzoni

29 Dicembre 2019

Perché la tragedia di Gaia e Camilla rimarrà impressa nell’animo di tutti noi

La storia di Gaia e Camilla rimarrà nell’animo di tutti noi di Roma Nord. Per le loro famiglie non sarà affatto semplice trasformare questo immenso lutto in energia creativa tale da far vivere queste due giovani ragazze oltre il loro tempo terreno, così come sarà una grande impresa per Pietro Genovese pensare al suo futuro dopo l’appuntamento con la tragedia che lo ha visto protagonista colpevole. Sopravvivere alla morte di chi hai investito può diventare quasi impossibile da sostenere.

Io, che ho vissuto diversi anni al Fleming, quando sono passata a corso Francia, mi si è ghiacciato il sangue, pensando che potevo essere io stessa, in auto, a quell’ora e trovarmi all’improvviso Gaia e Camilla davanti agli occhi. Come fare a non sentire dentro l’anima questa terribile storia?

La mia vita, come immagino la vita di tutti, è costellata di tragedie della strada. Ho perso amici a causa d’incidenti stradali, la storia peggiore in assoluto è stata la perdita di una delle mie migliori amiche delle elementari e di suo fratello che, a distanza di 7 anni l’uno dall’altra, sono morti in incidenti stradali. Vivevano a piazza Stefano Jacini. Paul a 18 anni perse la vita a Parigi investito da un auto mentre viaggiava in motorino. Lei, Nathalie, all’età di 27 anni, morì sulla Cassia sempre in un incidente. Non ho mai accettato un tale accanimento della sorte su due genitori che persero entrambi i loro figli. La strada è come la guerra, uccide spietatamente, spezza le vite, distrugge le persone e le famiglie.

Non riusciremo mai a dimenticare la storia di Gaia e di Camilla come io non ho mai dimenticato la mia cara Nathalie e suo fratello Paul. La strada è un luogo pericolosissimo che purtroppo affrontiamo con troppa leggerezza, ben poca consapevolezza dei rischi che possiamo correre in ogni istante, distratti e con l’illusione che il fato non possa decidere di darci appuntamento proprio quel giorno, a quell’ora e in quel luogo preciso.

LASCIA UN COMMENTO