Prati | La Storia

Novantatré anni fa l’ingegnere di Prati partiva per il Polo Nord

di Claudio Lollobrigida

Prati detiene un grande primato, guadagnato grazie a un suo illustre abitante. Si tratta di Umberto Nobile, generale e ingegnere ma, soprattutto, pioniere del volo. La sua casa si trovava in via Monte Zebio 28, dove oggi c’è una targa, collocata lì dal Comune di Roma e dall’aeronautica militare nel 1985, per ricordarne il centenario dalla nascita.

L’impresa straordinaria di Nobile fu sorvolare nientemeno che il Polo Nord con il suo dirigibile. Tutto ha inizio proprio nel nostro quartiere, precisamente nello Stabilimento costruzioni aeronautiche di viale Giulio Cesare. Proprio da qui, il 10 aprile 1926, esce il dirigibile Norge, allora conosciuto con il suo nome di matricola: I-SAAN. È lungo centosei metri, dotato di tre motori che gli permettono di raggiungere i centotredici km/h. A progettarlo lo stesso Umberto Nobile.

Così, esattamente novantatré anni fa, alle 9:30, il dirigibile dell’avventura si alza in volo da Ciampino, direzione Polo Nord. La spedizione è finanziata dall’americano Lincoln Ellsworth. Al comando c’è un norvegese, l’esploratore Roald Amundsen, primo ad aver conquistato il Polo Sud nel 1911.

Il viaggio del Norge dura in tutto un mese, con tappe a Leningrado, Vadso e, infine, alla Baia del Re, dove parte l’ultima tratta, quella verso il Polo. Che viene conquistato il 12 maggio 1926. A celebrare l’impresa il lancio di tre bandiere sul ghiaccio: quella degli Stati Uniti, quella della Norvegia e quella dell’Italia. Su quest’ultima, innegabilmente, c’è anche l’impronta del nostro quartiere.

LEGGI come acquistare i libri su Prati