Prati | Articoli

L’invasione della specie aliena: così il quartiere perderà i suoi pini

di Daniele Galli

Il conto alla rovescia è partito. Un paio d’anni. Forse tre. I pini di Roma, quelli che “la vita non li spezza”, cantava Venditti, sono destinati a morire.

Dopo i crolli dello scorso inverno – e su tutti quello su viale Mazzini – i pini di Prati devono fare i conti con un nemico quasi invisibile. La colpa stavolta non è dell’uomo, che tomba le radici con il cemento e non bada all’invecchiamento dei fusti, bensì di un parassita. Un insetto killer dal nome gentile. Si chiama cocciniglia tartaruga. Segni particolari: è una specie aliena, proviene dall’America del nord. Gli esperti sostengono che il suo atterraggio sui nostri pini, di cui la cocciniglia si ciba, sia dipeso dai mutamenti climatici.

Bruno Santoro è un dottore forestale e collabora con il comitato Amici di via Plava. È lui a spiegare a RomaH24 la gravità del nuovo fenomeno: «La cocciniglia punge la parte apicale dei rami e succhia la linfa, emettendo melata. Acqua e zucchero. Questa sostanza si deposita sulle foglie, sulle quali si formano dei funghi e quindi una patina nera che impedisce alla pianta di fotosintetizzare. Questi due effetti combinati fanno deperire l’albero. Che muore entro due o tre anni».

La cocciniglia

SFOGLIA il pdf del giornale

LEGGI la notizia delle auto messe sotto sequestro

LEGGI l’allarme lanciato dall’agronomo

SFOGLIA la fotogallery

GUARDA il video sugli effetti del crollo

GUARDA il video dei vigili del fuoco al lavoro

GUARDA il video di viale Mazzini transennata