1 Maggio 2020 - 8:37 . Flaminio-Parioli . Cultura

Primo Maggio nella Capitale, ecco gli appuntamenti social tra musica e cultura

Sarà un 1° maggio diverso quello di quest’anno, a causa dell’emergenza Covid-19. Ma gli appuntamenti culturali, anche se via social, non mancheranno anche per questo 2020.

Il clou sarà ovviamente il Concerto del Primo Maggio della Capitale (organizzato da Cgil, Cisl e Uil), che per la prima volta si svolgerà senza pubblico e in diretta tv (dalle 20 alle 24 su Rai3 e Rai Radio 2). L’evento sarà condotto dal Teatro Delle Vittorie e per rendere al massimo la qualità delle performance artistiche, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza previste dell’emergenza sanitaria in corso, i live verranno realizzati principalmente nella sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica. Tanti gli artisti che si alterneranno sul palco: da Gianna Nannini a Zucchero, da Vasco Rossi a Bugo, passando per Alex Britti, Edoardo ed Eugenio Bennato, Fabrizio Moro, Francesco Gabbani, Lo Stato Sociale e tanti altri.

Prosegue inoltre la programmazione di attività via web e social di #laculturaincasa, promossa dal Comune. In particolare alle ore 15 ai Musei di Villa Torlonia ci sarà il terzo appuntamento per ascoltare la voce di Giulia Mafai, figlia di Mario Mafai e Antonietta Raphael, due artisti ampiamente rappresentati nel Museo della Scuola Romana. Il Museo Carlo Bilotti propone l’attività Arreda la tua stanza metafisica, offrendo ai più piccoli la possibilità di divertirsi arredando una stanza vuota, una rielaborazione scherzosa del dipinto di de Chirico Interno metafisico con biscotti. I bambini potranno stampare i disegni e ritagliare e collocare nella stanza alcuni mobili tratti da dipinti dechirichiani cambiandone la disposizione a proprio piacimento.

Il Planetario di Roma alle ore 19 proporrà invece la quinta puntata della serie web Il cielo dal Balcone intitolata Bootes e Cani da Caccia, per proseguire l’esplorazione della regione nordorientale del cielo alla scoperta del Bootes, l’agricoltore celeste, e della sua stella Arturo. Per il Macro invece ecco tornare l’appuntamento con Jomo, che presenterà la clip del designer francesce Pierre Charpin.

Diverse le novità della Casa del Cinema. A partire da un’edizione speciale de La cineteca del direttore (ore 10) con le riflessioni di Giorgio Gosetti su “cinema e lavoro”. Si attraverseranno film e storie, eventi e personaggi, da Sciopero di Sergei M. Eisenstein a 7 minuti di Michele Placido, da Ladri di biciclette di Vittorio De Sica a Quo vado di Checco Zalone, offrendo spunti di riflessione e una carrellata di immagini e link ai film. Altra celebrità che omaggerà questo Primo Maggio sarà la regista Francesca Comencini, con un video messaggio indirizzato agli amici della Casa del Cinema in occasione della pubblicazione, alle 12.30, dell’incontro Francesca Comencini racconta Mobbing – Mi piace lavorare tenutosi nel 2004, nell’ambito dei Percorsi di Cinema a cura dell’Anac.

Alle 16.30 Mario Di Francesco dedicherà invece la sua rubrica Villa Borghese: profumo di cinema, ricordi di film e attori, di set e di ciak dalla Casina delle Rose alla Casa del cinema, alle storie e ai ricordi del suo 1° maggio. Inoltre la Fondazione Cinema per Roma per Backstage: il cinema e i suoi mestieri, che raccoglie in video una serie di testimonianze firmate da alcuni dei più noti e apprezzati professionisti del grande schermo, presenterà la clip speciale (alle ore 12) con Pierfrancesco Favino.

Sui social @romacinemafest torna poi la rubrica per rivedere o riscoprire, attraverso le piattaforme di streaming, i film delle passate edizioni della Festa del Cinema: per festeggiare la Festa del Lavoro, alle 12 sarà riproposto C’est la vie – Prendila come viene di Eric Toledano, commedia che racconta l’organizzazione di un matrimonio dal punto di vista di un wedding planner.

Il Teatro di Roma invece alle 11 proporrà Piero Gabrielli, che lancia sul web il videoclip Chiuso dentro casa, una canzone collettiva per raccontare, in musica e  parole, le sensazioni di questo momento storico particolare, e soprattutto degli oltre 140 ragazzi e famiglie che hanno partecipato alla creazione del testo tramite il tutorial online e i laboratori condotti dal regista Roberto GandiniAlle ore 18, sarà protagonista l’opera lirica grazie al Teatro dell’Opera di Roma. Sul canale Youtube ufficiale della Fondazione sarà possibile vedere il Barbiere di Siviglia di Rossini portato nelle piazze di Roma e del Lazio. Artefici di quell’esibizione il regista Fabio Cherstich,  l’artista Gianluigi Toccafondo, curatore dell’aspetto visivo del lavoro (scene, costumi, video), tutti i cantanti, gli attori, i tecnici, in larga parte provenienti dal progetto “Fabbrica” Young Artist Program del Teatro dell’Opera, oltre alla Youth Orchestra, l’ensemble giovanile del Teatro, diretta da Roberto De Maio.

Mentre alle 20.30 l’Accademia di Santa Cecilia proporrà il concerto diretto da Carlo Rizzari, che dirigerà l’orchestra nei Quadri di una esposizione di Mussorgsky, nella trascrizione per orchestra di Ravel e il Primo Concerto per Violino di Prokof’ev eseguito dalla violinista Alina Pogostkina.