7 Marzo 2020 - 19:00 . Guido Reni . Cultura

Ecco in che modo il Maxxi festeggia la Festa della Donna

Nonostante le nuove disposizioni del Governo per il contenimento dell’epidemia di Coronavirus abbiano messo in ginocchio anche le attività culturali e ricreative di tutta Italia e non solo della Capitale, c’è chi come il Maxxi continua ad essere un punto di riferimento per chi vuole svagarsi anche in un momento simile.

E domani, per la Festa della Donna, ha deciso di tenere le porte aperte a tutti, con un occhio particolare alle visitatrici, che potranno entrare al Museo a prezzo ridotto e visitare le mostre in corso. A partire da quella dedicata alla grande fotografa Elisabetta Catalano, per passare ad “At Home. Progetti per l’abitare contemporaneo“, che racconta l’evoluzione del concetto di abitare dal dopoguerra a oggi, analizzato attraverso le opere dei grandi maestri del Novecento e delle nuove figure emergenti del panorama architettonico internazionale.

Per non parlare poi di quella dedicata ad Altan, il celebre fumettista papà de La Pimpa, dove è possibile ammirare disegni originali, poster, illustrazioni, quadri, schizzi, tavole, libri e filmati a lui dedicati. Oppure quella su Gio Ponti, architetto che ha creato, tra gli altri,  il grattacielo Pirelli a Milano e la cattedrale di Taranto.