5 gennaio 2019 - 8:38 . Trieste-Salario . Retesociale

Emergenza freddo: chi sono i senza tetto aiutati da Sant’Egidio nella notte

Nereo
Nereo

Nereo, Claudio, Boris, Olga, Maxim. Sono alcuni dei senza tetto del quartiere che hanno ricevuto coperte e sacchi a pelo dai volontari di Sant’Egidio e Amici di Porta Pia. Vivono a piazza Fiume, corso d’Italia e Porta Pinciana. Alcuni sono organizzati in gruppo e vengono chiamati i russi, perché nativi dell’Est Europa.

Sono piccole comunità di strada che si dividono gli spazi sotterranei lungo i sottopassi del Muro Torto e si danno manforte tra loro. Nereo, ad esempio, è un veneto che per anni ha lavorato come carpentiere e preferisce la compagnia di un cane, Lilla. L’uomo sopravvive con la sua pensione minima e, secondo alcuni, a Roma è famoso quanto la sindaca Raggi.

Oppure Claudio, cinquantenne rumeno che vive da solo in un sottopasso vicino a Porta Pinciana, ma ha sempre una branda pronta a ospitare un amico. Quando i volontari sono arrivati a portargli le coperte, Claudio stava infatti medicando una persona. Qualcuno lo aveva picchiato e lui se ne stava prendendo cura.