11 luglio 2019 - 10:41 . Somalia . Curiosità

Da casa dei ferrovieri a set cinematografico, così è cambiato viale Somalia

Viale Somalia
Viale Somalia

Porta il nome di un’ex colonia italiana in Africa. Viale Somalia è una delle principali arterie del Trieste-Salario. Strada commerciale ben collegata, incastonata tra piazza Gondar e via Salaria, si trova a ridosso della stazione Nomentana, e pochi passi da Villa Chigi, “il giardino di casa”. Prima della guerra, lungo viale Somalia nascono numerose abitazioni popolari destinate ai ferrovieri, demolite durante il conflitto per lasciar posto a un’edilizia residenziale anni ’60 e ’70, destinata alla media e benestante borghesia, dai professionisti ai funzionari di stato, fino a persone di cultura provenienti non solo da Roma ma anche da altre parti d’Italia.

Qualcuno in zona dice: «Il cinema ama viale Somalia». Sì, perché è dagli anni Cinquanta che qui si girano scene di film. La prima fu l’inseguimento di Aldo Fabrizi a Totò nel ’51 in Guardie e ladri, che inizia proprio all’angolo con via Salaria. Poi dal ’53 la lista di pellicole si allunga: La valigia dei Sogni di Luigi Comencini, I soliti ignoti di Mario Monicelli, Il segno di Venere di Dino Risi e altri ancora, fino ad arrivare al presente, con Michele Placido regista che ambienta alcune scene dello sceneggiato Suburra da Kent.

LEGGI lo speciale (a cura di Antonio Tiso)

SFOGLIA il pdf del giornale