13 ottobre 2019 - 8:40 . Trieste-Salario . Retesociale

Appartamenti per donne in difficoltà, questo il progetto che coinvolge il quartiere

Appartamenti di co-housing per accogliere donne senza fissa dimora e in situazioni di precarietà abitativa. Anche con bambini. Si chiama “Una casa per ricominciare” ed è il progetto avviato dalla onlus Fondazione Toffee for Charity, in collaborazione con la comunità di Sant’Egidio.

L’iniziativa, che coinvolge il Trieste-Salario insieme a Montesacro, Flaminio e altri quartieri della città, punta a offrire un tetto a queste donne, seppur per periodi di 6-12 mesi, e ad aiutarle al reinserimento nel mondo lavorativo per ricominciare con una nuova vita. Domenica 27 ottobre, nel Borghetto Flaminio di piazza della Marina 32, sarà possibile trovare lo stand della onlus dove ottenere tutte le info sul progetto e, soprattutto, acquistare abiti usati per raccogliere fondi utili alla causa. Da quel giorno, tutte le ultime domeniche del mese i volontari saranno presenti sul posto.

Come ha spiegato il referente della onlus, Pasquale Iovine, “abbiamo ottenuto un spazio gratuito grazie a un ragazzo che collabora con la fondazione. Gli abiti saranno donati da alcuni amici della onlus e di Sant’Egidio”. E proprio i volontari della comunità avranno il compito di gestire le case: “Speriamo che gli affittuari ci vengano un po’ incontro con i costi – prosegue Iovine -. Le agenzie immobiliari spesso sono un po’ scettiche quando esponiamo loro il progetto, perché non sanno chi sono le persone che occuperanno quegli appartamenti. Ma contiamo di dare in affidamento i primi all’inizio del 2020“.

Ma c’è di più. L’iniziativa è stata esposta anche al II Municipio: “Abbiamo parlato con l’assessora alle Politiche sociali, Carla Fermariello – conclude -. Si è dimostrata molto aperta alla possibilità di un supporto. Ci speriamo davvero”.

 

LEGGI lo speciale sulle iniziative contro la violenza sulle donne (a cura di Cristiana Ciccolini)