Monti Parioli | Articoli

Villa Ada, quel polmone verde che dà ossigeno al quartiere

di Camilla Palladino

Il “Municipio delle ville”. Così viene definito il nostro territorio. Da Villa Balestra a Villa Glori, passando per i giardinetti tra viale Tiziano e via Flaminia, nel Flaminio-Parioli ci sono tantissime aree verdi che “proteggono” i cittadini dallo smog. La più importante però è Villa Ada.
Secondo le stime dell’associazione ambientalista Osservatorio Sherwood, in effetti, «i suoi boschi trattengono ogni anno novemila tonnellate di polveri e assorbono almeno mille tonnellate di anidride carbonica (CO2), rilasciandone altrettante di ossigeno: una quantità pari al fabbisogno d’aria di circa 6 mila persone».

Uno scorcio del Parco Rabin, lungo via Panama

Spiega a RomaH24 Lorenzo Grassi, coordinatore dell’Osservatorio: «Frequento Villa Ada da mezzo secolo. Negli anni ho sviluppato una vera e propria dipendenza dalla sua aria pulita, un “polmone” che ossigena tutta Roma con la sua gigantesca foresta urbana. Un parco rigenerante e salutare, che ha curato naturalmente una delle mie figlie da ricorrenti malattie respiratorie. Purtroppo il progressivo taglio di alberi che non vengono mai sostituiti, soprattutto sul perimetro esterno, sta facendo gradualmente venire meno l’effetto cuscinetto che isolava dallo smog esterno. Ma il cuore del parco resiste e permette di assaporare i profumi intensi della terra, delle foglie, dell’erba e dei fiori».

La natura, dunque, fa da scudo all’inquinamento. Ma anche i residenti possono fare qualcosa per il proprio quartiere. Per esempio, spostarsi in bici. Chi va su due ruote spera che il popolo dei cicloamatori continui a crescere. Stando ai dati diffusi dall’associazione Salvaiciclisti, a marzo è stato registrato un calo del 9,61 per cento nelle immatricolazioni delle auto. «Andare in bici farà bene a tutti, non solo ai ciclisti. Meno macchine ci sono in circolazione, migliore è la qualità dell’aria», sottolinea il cicloattivista Giuseppe Teano. E nel Flaminio-Parioli non mancano le piste ciclabili. C’è quella che va da Ponte Milvio a Villa Ada, passando per via del Foro Italico. E quella che, da Villa Ada, porta a Villa Borghese, attraversando viale Gioacchino Rossini.
Contribuirà a incentivare l’impiego della bici l’annuncio della sindaca Virginia Raggi: stop ai diesel Euro 3 all’interno della Ztl e dell’anello ferroviario, dal 1° novembre.

Viale della XVII olimpiade nella zona del Villaggio Olimpico

Nuove aree pedonali nel nostro quartiere
Campidoglio e II Municipio si stanno anche impegnando in una serie di interventi tesi a rendere pedonali alcune aree del quartiere. In primis piazza Perin del Vaga. Poi toccherà a viale della XVII Olimpiade, in zona Villaggio Olimpico. L’idea di un quartiere “green” è anche alla base di un progetto che punta a recuperare l’area delle ex caserme Guido Reni. Nuovi edifici, anche di natura residenziale, saranno circondati dal verde. Di questo passo, nel giro di pochi anni il nostro quartiere potrebbe tornare a respirare.

SFOGLIA il pdf del giornale