Parioli | Articoli

La ricetta del movimento Urbs Urbium per il rilancio di Villa Ada

di Roberta Bonetti

Come si può salvare Villa Ada dal degrado? Anzi, di più. Cosa possiamo fare per recuperarla e trasformarla a tal punto dal renderla un esempio per tutta Roma? Un movimento – si chiama Urbs Urbium, il suo fondatore è il noto economista romano Guido Cutillo, 47 anni – suggerisce oggi la ricetta per importare nella Capitale il modello newyorchese. Ossia, Central Park. Quello quindi di un polmone verde dove la città respira e vive. Una città nella città. E l’idea ha un nome preciso: “Salus per Villam”.

Guido Cutillo, fondatore del movimento Urbs Urbium

“Il progetto – spiega Cutillo a RomaH24 -, nasce dalla constatazione dello spreco con cui la città amministra il verde. L’esempio è Villa Ada, che viene sfruttata soltanto per un quarto, mentre per il resto è poco utilizzata o trascurata”. Secondo Urbs Urbium, il modello sarebbe poi replicabile anche negli altri parchi capitolini.

Ok, ma quali sono punti cardine del disegno? Eccoli.

1. Dotare Villa Ada di 6 o 7 punti di aggregazione per i bambini con relativi parchi giochi;
2. Dotare il parco di 1 o 2 punti di aggregazione per anziani;
3. Aprire 3 o 4 punti di ristoro nel parco, dislocandoli in modo uniforme sul suo territorio utilizzando i tanti edifici già disponibili e oggi lasciati nel più totale degrado;
4. Dotare la villa di attrezzatura finalizzata alla pratica sportiva;
5. Dotare la villa dei necessari servizi igienici;
6. Aprire ufficialmente un ingresso sul lato occidentale della villa per renderla più fruibile lato Parioli – Campi Sportivi, rendendola raggiungibile anche tramite la ferrovia Roma-Viterbo e quindi da piazza del Popolo e piazza Euclide senza l’utilizzo di auto;
7. Promuovere una diversa gestione del verde con piantumazioni dove opportuno e razionalizzazioni dove necessario, assicurando comunque la piantumazione di due alberi per ogni abbattimento eventualmente necessario;
8. Abbattere il pericolante e inutile muro di cinta dal lato di via Panama e promuovere la riqualificazione di tutta l’area;
9. Concludere i lavori sul parcheggio di via Panama e restituire lo spazio sovrastante alla città;
10. Promuovere la riqualificazione della zona di Forte Antenne oggi totalmente abbandonata;
11. Promuovere un collegamento razionale con la rete di piste ciclabili;
12. Creare un “corridoio verde” con Villa Borghese, da cui dista poche centinaia di metri, tramite il percorso ciclabile via Panama – via Rossini;
13. Verificare se e come sia possibile attivare eventuali sponsorizzazioni per reperire budget ulteriore rispetto a quello del Comune.

Lo scopo, appunto, non è solo quello di tornare a valorizzare Villa Ada. L’obiettivo è più ambizioso. “Se il metodo funziona, dovrebbe poi essere esportato nelle altre grandi aree verdi della Capitale”, aggiunge Cutillo. “In assonanza con quanto fatto con straordinario successo in passato a New York con Central Park, vogliamo riportare la vita cittadina dentro Villa Ada, sfruttandone appieno il potenziale, rispettando la natura del parco ed evitando manovre puramente commerciali e speculative”.

Ma i tempi per realizzare il programma di Salus per Villam quali sarebbero? “Sarebbe necessario attivare un grande movimento di opinione e di pressione sulle amministrazioni competenti – chiarisce Cutillo – e la realizzazione integrale del progetto richiederà del tempo”.

Un esempio dello stato in cui versa Villa Ada oggi

C’è però qualcosa che si può fare subito. “Dobbiamo pretendere – aggiunge – la realizzazione dei parchi giochi per bambini. Mi sembra fondamentale partire dai più piccoli perché è così che possiamo costruire un futuro migliore per tutti. L’educazione alla salute è fondamentale ed è per questo che in un mondo dominato dal solipsismo tecnologico diventa fondamentale creare occasioni di gioco e di sport all’aria aperta per i più giovani”.

E i costi? “Irrisori”, spiega Cutillo. “La complessità tecnica è inesistente e ogni eventuale altro freno facilmente risolvibile e, per questo, sarebbero considerate delle scuse inaccettabili. La responsabilità è ben chiara e ricade nell’assessorato al verde del Comune di Roma che ha un ufficio apposito per la gestione della materia. Ovviamente la Sovrintendenza avrà voce in capitolo come sempre a Roma, ma anche questo non può essere una giustificazione per restare immobili. Bisogna solo alzarsi e far sentire la nostra voce. Tanti più saremo, tanto più sarà impossibile ignorarci”.

C’è un modo per partecipare alla battaglia di Urbs Urbium. “Il gruppo – avverte Cutillo – sta coagulando attorno a sé una serie di forze cittadine eterogenee e sta ragionando su una raccolta firme a supporto. Il tutto nell’ambito di un progetto più ampio di rilancio della vita economica e sociale della nostra Capitale”. Uniti per Villa Ada. Uniti per ridare slancio a un polmone verde del nostro quartiere. E di tutta Roma.