Trieste-Salario | Articoli

“Villa Ada incontra il mondo”, la causa milionaria contro il Comune va avanti: la vicenda

di Antonio Tiso

La causa milionaria va avantiIl festival della musica “Villa Ada incontra il mondo” torna a far parlare di sé. L’evento dell’estate romana 2017-20, contestato già dagli ambientalisti, potrebbe ora costare alle casse di Roma Capitale fino a due milioni di euro. È questa la cifra che la società Nosb S.r.l. pare intenzionata a chiedere a titolo di risarcimento tramite i propri legali al Comune di Roma.

Ma andiamo per ordine: nel 2017 Roma Capitale aggiudicò il bando triennale per l’organizzazione di concerti estivi nella penisola del laghetto di Villa Ada alla D’Ada S.r.l. Il progetto con cui vinse il bando del Comune era appunto “Villa Ada incontra il mondo”. La Nosb S.r.l. partecipò alla gara e arrivò seconda, ma una volta visionati gli atti, notò ciò che considerò un’anomaliala D’Ada srl – si legge nella sentenza – aveva presentato un progetto irrealizzabile, dato che prefigurava una serie di concerti all’interno del festival con artisti già contrattualizzati dalla Nosb.

IL VECCHIO INGRESSO DI “VILLA ADA INCONTRA IL MONDO”

Da qui la decisione dei legali della società di fare ricorso al Tar del Lazio. Il quale, con una sentenza del 12 giugno 2018, accolse il ricorso e annullò la graduatoria, ritenendo carente l’attività istruttoria svolta dalla commissione giudicatrice del Campidoglio nella valutazione del programma della kermesse. Nonostante ciò, “Villa Ada incontra il mondo” andò però avanti per tre anni, come nulla fosse.

E così, dopo quattro anni di battaglie legali, si è arrivati a una sentenza del Consiglio di Stato del 14 settembre 2020 che dà ragione alla Nosb, annullando gli atti che portarono Roma Capitale a decretare vincitore del bando la D’Ada. E per evitare ulteriori ritardi il Consiglio di Stato ha nominato il prefetto di Roma per sostituire Roma Capitale in caso di ulteriore inadempimento. Stando alle disposizioni del Consiglio di Stato, Roma Capitale ha 90 giorni dalla sentenza per ottemperare all’annullamento del bando.

VILLA ADA INCONTRA IL MONDO

Tuttavia, essendo ormai chiusa l’esperienza dell’estate romana a Villa Ada, alla Nosb non resta altro che chiedere un risarcimento, come si legge ancora nella sentenza: “In conclusione, l’appello va accolto, non avendo l’amministrazione effettivamente ottemperato alle statuizioni della sentenza, con la conseguente condanna di Roma Capitale alla rinnovazione del procedimento di selezione di cui trattasi, nei sensi di cui sopra. A tanto l’amministrazione dovrà provvedere entro il termine di novanta giorni dalla comunicazione o dalla notificazione, se precedente, della presente decisione”.

Iniziativa, questa, già messa in campo dal legale della società, Antonio Nicodemo, come conferma a RomaH24: “Il Campidoglio ha preso atto della sentenza del Consiglio di Stato. Ora dovremo sederci intorno a un tavolo per discutere del risarcimento dovuto alla Nosb”. Tradotto: al Comune sarà richiesta una somma a sei zeri a copertura del danno provocato.

SCARICA qui la sentenza del Consiglio di Stato


Sostieni RomaH24 Sostieni RomaH24
grazie