29 ottobre 2019 - 8:40 . Africano . Cronaca

Via dei Galla e Sidama, il cantiere non riparte: questa è la situazione della strada

Lo scavo aperto lungo via dei Galla e Sidama
Lo scavo aperto lungo via dei Galla e Sidama

Un cantiere abbandonato, una rete di protezione che non permette di guardare lo scavo, una strada ormai chiusa da mesi. Il tutto corredato da vegetazione spontanea sempre più alta.

cantiere acea via dei galla e sidama
Via dei Galla e Sidama chiusa dal cantiere

È questo lo scenario che ci si trova di fronte in via dei Galla e Sidama, in zona Africano. Un vero e proprio caso, ecco cosa sta diventando il cantiere aperto da Acea a seguito del cedimento della fognatura dovuta a un intervento sbagliato di chi ha realizzato garage interrati lungo la strada. Ma facciamo un passo indietro.

cantiere acea via dei galla e sidama
Lo scavo aperto lungo via dei Galla e Sidama

È il 25 settembre quando Andrea Cavallo, responsabile del cantiere, dichiara a RomaH24 che “entro Natale” sarebbero stati ultimati i lavori:  “La buca è stata interrata – aveva spiegato -. La parete che la delimita ora verrà rinforzata con due file di micropali. È un terreno sabbioso e poco coeso e quindi va consolidato”. I lavori però non ripartono.

cantiere acea via dei galla e sidama
La rete che impedisce di vedere i lavori

Passano quattordici giorni, due settimane esatte. È il 9 ottobre, venti giorni fa: “In settimana ricominceranno i lavori in via dei Galla e Sidama – annuncia sempre Andrea Cavallo -. Sposteremo un tubo dell’acqua e da lì riprenderemo l’operazione di consolidamento del terreno”.

VIDEO. La perdita d’acqua generata lo scorso 17 ottobre

Il 17 ottobre gli operai intervengono su una conduttura, con conseguente interruzione dell’erogazione idrica negli edifici della zona dalle 9:00 fino a dopo l’ora di pranzo. Durante gli interventi, come testimonia il video girato da un residente, dai bocchettoni che affacciano su viale Etiopia inizia a uscire acqua che, per diverse ore, si riversa lungo l’asfalto. Poi nulla più.

Le foto spiegano ampiamente quale sia la situazione attuale.