19 giugno 2019 - 19:29 . Africano . Degrado

Sedia del Diavolo, così i rifiuti rovinano la tomba di Elio Callistio

L’immagine con la Sedia del Diavolo circondata da rifiuti è lo specchio di quanto sta accadendo in questi giorni in tutta la città e nel Trieste-Salario. E dire che la tomba di Elio Callistio ne ha viste in questi secoli. Il monumento funebre, costruito dall’imperatore Adriano per un suo liberto, prese il nome attuale – Sedia del Diavolo appunto – quando la facciata crollò.

Al suo interno dormivano pastori e vagabondi e, poiché spesso venivano accesi fuochi, il riverbero rossastro sulle mura, visto in lontananza, accese la fantasia popolare. Una storia lunga e complessa, quindi. A cui ora si aggiunge anche quella, spiacevole, dei rifiuti.