25 agosto 2019 - 13:45 . Trieste-Salario . EXTRANEWS

Questa è la storia di Yves, rifugiato politico del Congo e che è diventato un aspirante giardiniere di Villa Leopardi

Era un falegname nella Repubblica Democratica del Congo. Ora è un aspirante giardiniere a Villa Leopardi. È tanta è la strada che Yves, rifugiato politico di 33 anni, ha dovuto compiere per raggiungere la Capitale e salvarsi dalle minacce di morte ricevute nel suo paese d’origine.

È arrivato il 28 novembre 2017 e da allora sono passati oltre 500 giorni. Ora vive in un centro accoglienza gestito dalla Caritas a via del Mandrione e, ogni sabato, raggiunge il parco su via Nomentana per imparare un mestiere. La convenzione tra l’associazione Amici di Villa Leopardi e la Caritas, con l’avallo del II Municipio, ha permesso infatti a lui e ad altri ragazzi di fare questa esperienza e acquisire nuovi strumenti professionali per rifarsi una vita in Italia.

“Fossi rimasto nel mio Paese, ora sarei morto – racconta Yves -. Sono cattolico e una falange estremista islamica mi aveva minacciato per motivi religiosi. Poi facevo politica per il partito Bundu Dia Mayala. Ero contro la corruzione e la violenza sessuale verso le donne, che dalle mie parti è un fenomeno diffuso. Contestavamo che il presidente attuale, Joseph Kabila, non fosse davvero congolese. Secondo le informazioni a nostra disposizione, è ruandese ma si spaccia per essere il figlio dell’ex presidente Laurent Desirè Kabila. Stavo mobilitando i giovani della Capitale per prendere consapevolezza di questi problemi, ma fui minacciato da uomini del governo e l’unica soluzione fu lasciare il Paese”.

Yves ripensa quotidianamente alla sua famiglia d’origine, dove vivono la mamma, il fratello e la sorella, e poi la moglie coi due bambini di 10 e 3 anni. “Vorrei ricongiungermi a loro quanto prima, ma devo cercare lavoro. Ora che parlo l’italiano e ho preso la licenza di terza media, voglio darmi da fare e sistemarmi. Ho anche seguito un corso di sei mesi come operatore edile”.

Parole decise e idee chiare per spazzare via la paura. Yves in questi mesi ha saputo guadagnarsi la fiducia e la stima di molti nel quartiere. È infatti uno dei migranti che in più di un’occasione ha dato una mano a ripulire i luoghi degradati del Trieste-Salario. Da piazza Alessandria alle Mura Aureliane a Porta Pia, ha lavorato a fianco delle associazioni di quartiere. Armato di rastrelli e guanti da lavoro, scopa e palette, c’era anche lui a faticare per riportare il decoro nelle nostre strade. Non si arrende il ragazzo, la sua lotta va avanti.

LEGGI la extranews sul pilota precipitato

LEGGI la extranews sul violinista

LEGGI la extranews sulla mamma del quartiere

LEGGI la extranews sui soldati

LEGGI la extranews sui muratori acrobatici

LEGGI la extranews sui fatti storici del quartiere

LEGGI la extranews sull’orto urbano di parco Don Baldoni

LEGGI la extranews su Vanna e il clochard

LEGGI la extranews sul sarto delle star del cinema

LEGGI la extranews sulla prostituta di via Salaria

LEGGI la extranews su Angelo De Fiore