18 Febbraio 2021 - 15:31 . Trieste-Salario . Cronaca

Parco Nemorense, la rabbia dei comitati di quartiere: “Colpa di chi non controlla”

Parco Nemorense
Parco Nemorense

Parco Nemorense chiude di nuovo e gli attivisti del Trieste-Salario non ci stanno. Dal 16 febbraio, sui cancelli dell’area verde sono infatti tornati i lucchetti e ci resteranno per circa 20 giorni causa lavori, come indicano gli avvisi apposti dal Municipio.

L’avviso della chiusura

Non sono quindi bastati gli otto mesi di chiusura dello scorso anno per completare la riqualificazione dell’area, costata circa 400 mila euro. E i comitati di quartiere puntano il dito contro lo scarso controllo sui cantieri. “La modalità di lavoro sciatto, che da tempo caratterizza qualsiasi tentativo di miglioria, è indecente – commenta Barbara Lessona di “Amo Quartiere Trieste” -. Gli interventi, qualsiasi essi siano, sono fatti male e senza controllo. Questo significa spreco. Sono quattro anni che ci sentiamo solo dire che l’amministrazione non ha soldi, e quando li hanno li spendono senza guardare e controllare. Non è così che si gestisce una città e un Municipio. Abbiamo offerto supporto volontario mille volte ma noi attivisti siamo scomodi perché pretendiamo troppo”.

Barbara Lessona

Sulla stessa lunghezza d’onda è Massimo Proietti Rocchi, presidenti degli “Amici di Villa Leopardi”: “Soldi ne erano già stati spesi e molti! Ridicolo che a pochi mesi da una lunga chiusura si debba rispendere e richiudere – dice -. Bisogna controllare di più l’esecuzione delle opere per evitare di rilevare, solo a conclusione lavori, gli errori commessi. L’assenza di una associazione di frequentatori abituali fa inoltre venire meno una forma di controllo attivo e propositivo”.

Massimo Proietti Rocchi

“Come tutti siamo basiti e increduli che Parco Nemorense si chiuda di nuovo – chiosa Riccardo Tessari dei “Volontari Quartiere Trieste” -. Forse si poteva chiudere a zone e completare ugualmente i lavori. Ma evidentemente l’amministrazione del Comune ritiene più funzionale così. Purtroppo questi episodi aumentano la sfiducia dei cittadini, stanchi di tutto, delle buche su strade e marciapiedi, della sporcizia ovunque, degli alberi che cadono, dell’illuminazione a singhiozzo. Fa sorridere amaro rivedere le foto dell’inaugurazione del parco, come quelle del Mercato Trieste, ancora oggi in attesa del parcheggio. Più sobrietà, più attenzione, ne abbiamo tutti bisogno”.

Riccardo Tessari

I lavori dello scorso anno

Il piccolo polmone verde del quartiere era stato già chiuso l’11 novembre 2019 per un ampio restyling, che sarebbe dovuto durare sei mesi.

Parco Nemorense avrebbe quindi dovuto riaprire a maggio. Poi però sono arrivati il Coronavirus, il lockdown, lo stop alle attività non essenziali, e s’è spento tutto. Fino al 23 luglio quando, alla presenza della sindaca Raggi, la seconda vita della villa era stata svelata ai residenti. Ma con diversi interventi ancora da concludere, che adesso porteranno a una nuova chiusura.

LA SINDACA VIRGINIA RAGGI ALLA RIAPERTURA DEL PARCO NEMORENSE IL 23 LUGLIO

LEGGI la rabbia sui social dei residenti

LEGGI lo speciale sul flop dei lavori (a cura di Antonio Tiso)

LEGGI lo sfogo di una residente