1 Agosto 2020 - 10:39 . Trieste-Salario . Cronaca

Il quartiere riscopre le sue rane più belle. Così proseguono i lavori al Coppedè

Fontana delle Rane
Fontana delle Rane

A piazza Mincio le rane della storica fontana tornano a risplendere. I lavori di restauro stanno restituendo poco alla volta la bellezza di una delle meraviglie del nostro quartiere. La fontana-monumento fu disegnata e realizzata dall’architetto Gino Coppedè nel 1924. Ora, ripulita dal calcare grazie al lavoro certosino di questi mesi, le piccole rane, illuminate dal sole sembra quasi che debbano spiccare il volo da un momento all’altro.

Fontana delle Rane

Muniti di scalpello e tanta pazienza i restauratori stanno rimuovendo il calcare che ricopriva la struttura. Poco alla volta è emerso lo stato conservativo della malta cementizia. Sono state anche trovate tracce di colore nel fusto centrale. “L’intervento procede bene”, spiegano a RomaH24. Protetti da alcune coperture l’equipe di professionisti sta continuando il lavoro, nonostante il caldo estivo. Il Covid-19 ha rallentato il cantiere, ma ora la lavorazione procede spedita.

La fontana era stata prima oggetto di una fase preparatoria, avviata lo scorso marzo, durante la quale erano stati effettuati gli interventi di consolidamento del terreno su cui si trova la struttura. La sfida è dunque grande: stabilizzare la fontana e dare nuova bellezza a una delle meraviglie del nostro quartiere, nel cuore del Coppedè. Attualmente il gruppo di lavoro è impegnato a recuperare i bacini e il gruppo scultoreo.

Il progetto, sotto la direzione tecnico-scientifica della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è il primo di una tale portata dal momento dell’inaugurazione del monumento, nel 1927. L’importo totale delle attività di consolidamento e restauro è pari a 283.683,12 euro.

LEGGI l’articolo sulla prima parte dei lavori alla fontana

LEGGI la news sull’inizio dei lavori

LEGGI come acquistare i libri di Typimedia sul Trieste-Salario