27 maggio 2019 - 7:45 . Trieste-Salario . Scuola

Il giardino di Alessandro, parla la mamma: “L’affetto del Righi è il nostro sostegno”

L'intervento durante l'evento della mamma di Alessandro, Anna
L'intervento durante l'evento della mamma di Alessandro, Anna
La consegna del diploma ad honorem ai genitori di Alessandro

“Grazie a tutta la scuola, dalla preside ai docenti. Hanno accompagnato Ale nel suo percorso. Lo hanno sostenuto e amato e non lo hanno fatto sentire mai solo”. Sono le parole di Anna Parisi, la mamma di Alessandro, il giovane studente del quartiere morto un anno fa a 17 anni per un male incurabile. Sabato, 25 maggio, il suo liceo di via Boncompagni, il Righi, lo ha celebrato con una cerimonia toccante.

Danza, musica e poesia hanno fatto da cornice all’iniziativa. Ma il cuore della mattinata è stata la dedica del giardino dell’istituto ad Alessandro. “È un’idea meravigliosa”, ha proseguito la madre del giovane. “Nessun luogo è più adatto a rappresentare quello che è stato mio figlio. Il giardino è simbolo di vita e lui ne aveva tanta. Qui nascono i fiori e le piante”.

La targa nel cortile del liceo Righi dedicato ad Alessandro Parisi

Poi un pensiero alla targa che la scuola ha affisso all’ingresso del cortile: “Mi commuove che anche i futuri studenti e docenti potranno sapere di lui, leggendo il suo nome. Mantenere vivo il ricordo di Ale, nel cuore e nell’anima, è per noi il desiderio più grande.

Poi la mamma ha voluto ringraziare tutti per il grande sostegno: “L’affetto che ci avete donato ci aiuta sostenere il dolore che viviamo. Alessandro amava la scuola e appena poteva, dopo i cicli di cure, desiderava tornarvi”. Infine le ultime emozionanti parole: “Ovunque lui sia, sono certa che ci sta guardando ed è davvero felice di questa giornata”.

SFOGLIA la fotogallery

LEGGI le parole dell’ex studentessa, Eleonora Rizzi

LEGGI l’articolo sul torneo di basket dedicato ad Alessandro Parisi

LEGGI lo speciale (a cura di Daniele Petroselli)