23 Gennaio 2021 - 13:00 . Trieste-Salario . Viabilità

Ciclabili, Roma studia il modello Amsterdam per i suoi quartieri: il progetto

Ciclabile Nomentana
Ciclabile Nomentana

Nasce una sinergia tra Amsterdam e Roma per aiutare la Capitale d’Italia a sviluppare una mobilità sostenibile più moderna. L’asse tra le due città rientra in un progetto – che si chiama Handshake – di scambio interculturale europeo curato in prima persona da Enrico Stefàno, presidente della commissione Mobilità di Roma Capitale.

Ma cosa prevede? Amsterdam – insieme a Copenaghen e Monaco – è stata riconosciuta quale eccellenza europea per la sua rete di ciclabili. Per questo motivo è stata abbinata a Roma, che invece è una delle più arretrate su questo tema.

A partecipare attivamente al progetto, come presidente di Roma Produttiva, è Giulio Anticoli, storico commerciante di viale Somalia: “Negli ultimi 50 anni Amsterdam si è evoluta tantissimo dal punto di vista delle ciclabili – spiega -. Prima di allora il traffico era sofferente, così come l’economia. Ora è una città moderna, un esempio positivo che si vorrebbe replicare qui a Roma“.

Giulio Anticoli

Ma come? “Chiaramente ci sono profonde differenze tra le due città – chiosa Anticoli -. Amsterdam è piccola e pianeggiante, Roma è molto più grande e ha i suoi colli. L’idea è di importare il modello olandese a partire dai quartieri romani, in piccolo, per poi collegarli e creare così una macro rete in tutta la Capitale“.

Un progetto ambizioso, quindi. E per il quale sono stati mossi i primi passi, come spiega ancora Anticoli: “Abbiamo avuto un incontro lo scorso 21 gennaio, successivamente una rappresentanza del progetto andrà ad Amsterdam per studiare la sua mobilità. Dopodiché discuteremo di come superare gli ostacoli strutturali di Roma e di come sviluppare tutta la comunicazione”