17 Luglio 2021 - 7:31 . Trieste-Salario . Cronaca

“Cassonetti come quelli all’Università”. I volontari scrivono, Fabiano risponde: “Ci abbiamo già provato”

L'assessore Rosario Fabiano
L'assessore Rosario Fabiano

Il 13 luglio l’associazione “Riscatto al Secondo” ha presentato ufficialmente una proposta di mozione in II Municipio, tramite la quale chiede che via Dire Daua si impegni al fine di sostituire i bidoni della spazzatura “vecchi, rotti, sporchi e diseducativi” presenti nel quartiere con altri modelli “più eleganti ed educativi”, del tutto simili a quelli installati da La Sapienza all’interno della Città Universitaria. Una richiesta che viene fatta al presidente del consiglio municipale Carlo Manfredi e all’assessore al Verde, Rino Fabiano.

Quest’ultimo, però, ha tenuto a fare alcune precisazioni a riguardo. “Questi volontari – ha spiegato a Roma h24 – chiedono al Municipio di sostituire i cassonetti, ma il tema è che io l’ho già fatto, chiedendolo ad Ama tempo fa. I cassonetti alla Città Universitaria sono stati messi lo scorso marzo 2020. L’argomento è stato affrontato anche per San Lorenzo, per sostituire il porta a porta negli androni non abbastanza capienti con cassoni protetti tutti intorno alla zona. In quell’occasione Ama non rispose positivamente“.

“In città l’onere sarebbe affidato ai singoli cittadini e ai portieri di condominio – continua Fabiano –  . Una scommessa vera e propria visto il livello bassissimo di educazione civica complessivo della popolazione a Roma. Noi come municipio difendiamo il porta a porta e qualsiasi altra forma che può levare cassonetti diffusi in strada, ma va fatto un lavoro importante di comunicazione ed educazione che preveda anche le sanzioni a chi sbaglia . Quindi Ama se vuole lavorare su modelli nuovi e innovativi deve anche prevedere personale accertatore sui conferimenti“.