Roma, 26 Settembre 2020 - 10:31

Il Gianicolo celebra la breccia di Porta Pia

La breccia di Porta Pia
La breccia di Porta Pia

FuoriQuartiere | Cultura

Il Gianicolo celebra la breccia di Porta Pia

Sabato 19 e domenica 20 settembre al Gianicolo torneranno ad ardere le fiaccole: in occasione della ricorrenza della breccia di Porta Pia, che quest’anno celebra i suoi 150 anni, si illuminerà il Mausoleo Ossario Garibaldino, che nel fine settimana sarà accessibile al pubblico in apertura straordinaria dalle 10 alle 20 in memoria dello storico avvenimento. Un evento fuori quartiere ma che, per forza di cose, riguarda molto da vicino il Trieste-Salario e la zona di Porta Pia.

La fiamma dei bracieri perimetrali del monumento di via Garibaldi ricorderà infatti a romani e turisti che, nella storica data del 20 settembre 1870, gli scontri per la conquista di Roma allo Stato Italiano interessarono non solo il settore nord-est della città e la via Nomentana in prossimità di Porta Pia, dove avvenne la storica breccia: i combattimenti coinvolsero invece più punti della cinta muraria della città, assediata dalle truppe dell’esercito italiano decise a conquistare la città al nuovo Regno d’Italia. Tra i luoghi in cui più significativo fu l’urto bellico delle artiglierie italiane figura proprio il Gianicolo, fuori Porta S. Pancrazio, mentre nel Sacrario sottostante il Mausoleo riposano invece le spoglie dei caduti di quella memorabile giornata.

Per non dimenticare questa pagina della nostra storia nazionale e in onore dell’importante anniversario, un ricco programma di iniziative dedicate, promosse da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, si svolgeranno nelle due giornate, coinvolgendo, oltre che il Mausoleo Ossario Garibaldino, anche il Museo della Repubblica romana e della memoria garibaldina a Porta San Pancrazio. Qui, sabato 19 settembre alle ore 11.00 saranno coinvolti anche i più piccoli con il laboratorio “Arrivano i bersaglieri!”, per bambini dai 6 agli 11 anni, incentrato sulle affascinanti figure dei soldati dal caratteristico elmo piumato rimasti a emblema dell’impresa (su prenotazione) mentre alle ore 17, al Mausoleo Ossario Garibaldino si svolgerà la visita guidata “Dalla Repubblica Romana alla Presa di Porta Pia: il Gianicolo e il 20 settembre 1870” (prenotazione consigliata) rievocativa degli importanti avvenimenti storici occorsi tra il 1849 e il 1870 sul colle gianicolense per una futura Roma italiana.

Il Mausoleo Ossario Garibaldino

Le iniziative continueranno poi domenica 20 settembre alle ore 11.00 e 12.00, con la visita guidata “Roma o morte. Il Mausoleo Ossario Garibaldino e i caduti per Roma capitale (1849-1870)”al Mausoleo Ossario Garibaldino (prenotazione consigliata) dedicata in particolare alle figure dei combattenti caduti nella storica giornata e alle vicende del monumento che ne custodisce le spoglie.

Nel pomeriggio, infine, alle ore 17.00 presso il Mausoleo, sarà la volta dello spettacolo “Finalment i suma”, una lettura drammatizzata su testo inedito di Riccardo Cochetti, dedicato alla giornata che aprì la strada alla nuova capitale del Regno d’Italia. Si tratta di un racconto a più voci che ricostruisce il contesto storico-politico in cui è maturata quell’impresa, i fatti, militari e non solo, riguardanti la Breccia di Porta Pia, e quelli immediatamente successivi all’entrata dell’esercito italiano in città, basato sui ricchi contributi offerti sul tema dagli storici e su numerosi documenti ufficiali, testimonianze e cronache dell’epoca, così come strettamente d’epoca sono gli otto brani musicali che corredano la performance dei quattro interpreti: uno dei narratori si dedica al contesto storico e politico della vicenda, un altro specificamente alla battaglia del 20 settembre e ai fatti connessi, il terzo porta invece in scena le parole di Papa Pio IX, mentre è affidato a un’attrice il compito di esprimere il sentimento del popolo di Roma di allora.

Lo spettacolo, realizzato in collaborazione con l’Associazione Caffè Voltaire, si svolgerà all’aperto assicurando il rispetto delle prescritte misure anti-covid.

Ingresso libero sino a esaurimento posti.

Per accedere all’area

Ingresso libero fino a esaurimento posti contingentato con attesa del proprio turno a distanza di sicurezza (almeno 1 mt). Misurazione della temperatura con termoscanner (non è possibile accedere con temperatura uguale o superiore a 37,5°). È disponibile il gel igienizzante per mani.

Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina

Largo di porta S. Pancrazio, 9 (00153 – Roma)

Mausoleo Ossario Garibaldino
Roma, via Garibaldi, 29/e

Info e prenotazioni: 060608 (tutti i giorni ore 9:00 – 19:00)

www.museodellarepubblicaromana.it

GUARDA come acquistare i libri sul Trieste-Salario


Sostieni RomaH24
Caro lettore,
da oltre due anni vi accompagniamo ogni giorno, ascoltiamo i vostri suggerimenti e i vostri commenti.
Il nostro impegno continua a crescere per darvi aggiornamenti continui sul vostro quartiere, per aiutare a migliorarlo, per conoscere fatti, storie, protagonisti delle nostre vite.
In questi giorni complicati, abbiamo moltiplicato i nostri sforzi per vivere l'emergenza.
Grazie ai nostri collaboratori che cercano ogni giorno spunti e notizie utili anche in questa fase complessa per la nostra comunità.
Grazie a chi sostiene già il nostro progetto.
Grazie a te per il sostegno che vorrai darci.
È importante.
Sostieni RomaH24 attraverso PayPal o con carta di credito: