Trieste-Salario

Verganti: “Amore tossico, come uscirne”

Germana Verganti è una psicoterapeuta analista transazionale. Nello studio di corso Trieste 59 collabora con la sua collega Flavia Missi su temi legati principalmente a relazioni tossiche, codipendenza affettiva e narcisismo patologico.

“Mi sono dedicata a queste dinamiche disfunzionali – spiega – non solo perché persone a me vicine sono cadute nelle trappole dell’amore malato, ma anche perché in questi anni si sono moltiplicate tragedie, come femminicidi. La violenza di genere si manifesta in modo subdolo ed è spesso sottovaluta, nonostante sia un fenomeno molto diffuso”.

La codipendenza affettiva è molto diffusa tra le gli uomini, ma in realtà se ne sente parlare quasi sempre a carico di donne per motivi culturali. “La donna – continua – è considerata ancora naturalmente sottomessa al sesso maschile e l’uomo tende a nascondere di avere questa disfunzione”.

Germana ha anche un proprio sito in cui scrive articoli su questi temi e organizza anche seminari con un duplice obiettivo: informare e creare gruppi di sostegno a relazioni tossiche. E’ fondamentale, per non cadere in amori tossici, accorgersi dei segnali. Si deve fare attenzione se nella coppia non c’è reciprocità, se uno dei due partner si sente frustrato, depresso, sottomesso, svalutato.

“Le persone codipendenti che si rivolgono a me – dice – non riescono a chiudere una storia o a dimenticare gli abusi subiti. Rischiando di ripetere gli stessi comportamenti anche con il successivo partner. Uscire da un amore tossico è complicato ma si può: è necessario farlo per la propria salute fisica e psichica. Si devono ascoltare i campanelli d’allarme senza giustificare, perché chi ama (e il narcisista patologico non sa amare) tratta l’altro con rispetto e non lo vuole prevaricare, manipolare, controllare”.

(Cristiana Ciccolini)

 

 

 

Sostieni RomaH24
Caro lettore,
da oltre due anni vi accompagniamo ogni giorno, ascoltiamo i vostri suggerimenti e i vostri commenti.
Il nostro impegno continua a crescere per darvi aggiornamenti continui sul vostro quartiere, per aiutare a migliorarlo, per conoscere fatti, storie, protagonisti delle nostre vite.
In questi giorni complicati, abbiamo moltiplicato i nostri sforzi per vivere l'emergenza.
Grazie ai nostri collaboratori che cercano ogni giorno spunti e notizie utili anche in questa fase complessa per la nostra comunità.
Grazie a chi sostiene già il nostro progetto.
Grazie a te per il sostegno che vorrai darci.
È importante.
Sostieni RomaH24 attraverso PayPal o con carta di credito: