Borgo | Articoli

La presidente del Centro anziani spiega cosa non va in Borgo

di Luisa Urbani

“La pedonalizzazione della strada crea difficoltà a chi ci abita”. Rossella Giustini conosce molto bene Borgo Pio, non a caso è la presidente del Centro anziani che si trova lungo la via, al civico 23. Un punto di riferimento del quartiere per i borghigiani di un tempo e una “realtà sempre pronta a risolvere le difficoltà della zona” come dichiara Rossella sottolineando che “è grazie al nostro centro che è stata riattivata la fontana di Borgo Pio (conosciuta da tutti come fontana dell’Acqua Marcia, ndr) che da mesi non funzionava a causa dell’emergenza idrica che aveva colpito Roma”.

Secondo Rossella, come anche per diversi membri del Centro anziani, la maggiore criticità di Borgo è la pedonalizzazione perché, come lei stessa evidenzia, “adesso per tutti i residenti è molto più difficile circolare con auto e motorini”. Non mancano poi i problemi legati ai rifiuti, una criticità alimentata, secondo la presidente, dalla presenza dei turisti che tutti i giorni transitano per la via perché “il borghigiano ci tiene alla sua strada, il turista invece no e non si preoccupa di lasciare rifiuti a terra”.

Tra immondizia e difficoltà di circolazione, però, Rossella sottolinea anche un aspetto positivo: la presenza di ristorantini e bar che “hanno reso la strada più carina e soprattutto più viva la sera”.