3 Maggio 2020 - 8:40 . Prati . Viabilità

I negozianti di bici elettriche: “Prezzi e manutenzione, ecco cosa c’è da sapere”

Bike & Ride
Bike & Ride

“A Prati siamo fortunati perché abbiamo le piste ciclabili, le biciclette possiamo tranquillamente usarle come mezzo di trasporto, non soltanto come mezzo della domenica”. Elisabetta Orrù è la proprietaria di Ciclomorfosi Bike Rent in via Famagosta 12. Il progetto del Campidoglio di creare una rete di piste di ciclabili di emergenza per agevolare la mobilità verde nella fase 2 dell’emergenza Covid-19, trova l’appoggio dei commercianti del settore.

“Adesso poi è il momento giusto per cambiare – continua Orrù – La scelta di usare le ciclabili in senso strutturale è fondamentale, a Roma si vive nel traffico. Se per fare pochi chilometri ci impiego ore, l’auto non può rappresentare un mezzo ideale ma soltanto un mezzo che crea congestione. Ed è qui che subentra la bici. Forse l’auto dovrebbe diventare il mezzo da usare per andare fuori città”.

Orrù commenta poi l’annuncio della Ministra dei trasporti, Paola De Micheli, al riguardo un bonus di 200 euro destinato a chi acquista una bicicletta o un monopattino, anche elettrici: “Tutto quello che è incentivo è ben accetto, perché permetterebbe di andare oltre la barriera mentale del valore elevato di una bici elettrica. Per avere un buon mezzo, dotata di buoni supporti, bisogna spendere almeno mille euro. Ci sono anche quelle a prezzi inferiori ma la qualità non è la stessa. Si incorrerebbe in una serie di problemi tecnici importanti dopo un certo numero di chilometri. Il motore elettrico oggi è molto affidabile, il problema è il telaio su cui viene montato ed è su quello che bisogna stare maggiormente attenti”.

Obiezione: i sette colli della Capitale potrebbero rappresentare un problema per i ciclisti. “È un falso problema, Roma è ideale per la bici. La Germania e la Svizzera hanno migliaia di chilometri di ciclabili e hanno saliscendi come noi. Se uno viene messo in bici fin da piccolo, questi problemi vengono superati, non viviamo sull’Everest. Le pendenze in città sono al massimo dell’8-9%, superabili quindi per i mezzi che abbiamo. Oggi poi c’è l’elettrico che permette di superare facilmente questi dislivelli, lo permette anche a chi non ha mai portato una bici”.

Linus Pittoni

La bicicletta elettrica necessita di una manutenzione particolare? Lo spiega Linus Pittoni, 52 anni, proprietario del negozio Bike & Ride di piazza Giovine Italia 1. “Una buona bicicletta a pedalata assistita costa di base circa 1200 euro, con questa cifra si può stare sicuri di portarsi a casa un mezzo affidabile e che dura nel tempo. La manutenzione non si discosta molto da quella di una normale bicicletta, registrare i freni, controllare le gomme, la catena e, dove presente il cambio. La batteria? È sconsigliabile non usare la bicicletta per lunghi periodi, bisogna farla muovere un po’ anche d’inverno quando di solito resta in garage, la batteria va caricata e fare in modo che si scarichi affinché resti efficiente”.

LEGGI l’analisi di Luigi Carletti sul piano di nuove ciclabili anti-traffico

LEGGI la notizia sul piano del Comune per una rete di ciclabili d’emergenza