Flaminio-Parioli | Articoli

Flaminio e Villaggio Olimpico, questi i pericoli per chi guida

di Alessio Ramaccioni

Non solo via Flaminia, indicata tra le prime venti strade più pericolose di Roma con 2,56 incidenti per chilometro, secondo un dato diffuso dal Messaggero. Sono diversi i tratti della zona a cui prestare particolare attenzione alla guida. RomaH24 ne ha percorsi alcuni per raccontarne i problemi.

Via Flaminia all’altezza di via Donatello

Partendo proprio da via Flaminia, all’altezza dell’incrocio con via Donatello. I binari del tram dividono in due la carreggiata, la possibilità di spostarsi nell’altra direzione è segnalata in maniera poco visibile.

Lungotevere Flaminio, all’incrocio con largo Antonio Sarti

Sempre su via Flaminia, occhio all’incrocio con via Pinturicchio: i binari del tram sono in pendenza e pericolosi se presi in velocità con uno scooter.

Altro punto “caldo”è l’immissione sul lungotevere Flaminio da largo Antonio Sarti: le auto che provengono da via Fracassini arrivano da due corsie distinte ma si incrociano – senza una segnaletica che organizzi il traffico – al momento di svoltare sul lungotevere.

Via de Coubertain

Sempre sul lungotevere Flaminio, c’è da segnalare anche la svolta a sinistra in piazza gentile da Fabriano: anche qui il traffico che proviene da piazza Mancini non è disciplinato da un semaforo.

Al Villaggio Olimpico va prestata particolare attenzione alla rotonda tra via Argentina e via de Coubertain: la segnaletica orizzontale è quasi del tutto cancellata.

GUARDA le strisce pedonali invisibili