Trieste-Salario | Articoli

“Motobefana”, la solidarietà parte dal Trieste-Salario

di Camilla Palladino

Due punti di ritrovo, cinque realtà attive per la beneficenza in questa giornata di festa. Parte dal Trieste-Salario la “motobefana” solidale di quest’anno, alla volta di due case famiglia in via Casilina e del villaggio So.Spe. di suor Paola, una struttura che accoglie ragazze madri con i loro bimbi e persone in difficoltà.

I motociclisti che hanno aderito all’iniziativa, nata da una tradizione decennale delle associazioni di centauri, si sono divisi in due punti di partenza tra le 9:30 e le 10:30. I gruppi si sono caricati di vestiti, giocattoli, generi alimentari e materiali di cancelleria, e hanno iniziato il corteo.

Il primo, composto da circa dieci motociclisti dell’associazione Free Bikerz, è partito da piazza Caprera, portando con sé il ricavato della raccolta di generi alimentari per l’infanzia, iniziata lo scorso 2 gennaio al Bar Caprera. La sua destinazione il villaggio solidale di suor Paola, nella zona di Bravetta.

Il secondo, invece, ha unito gli associati di quattro differenti entità. I due comitati di quartiere Vagabondiinmoto e Amici di Porta Pia, insieme alle due associazioni di volontariato di protezione civile Zipaolo Team e Oliver, che hanno messo a disposizione un furgoncino per caricare le donazioni e hanno scortato i centauri.

SFOGLIA la fotogallery