FuoriQuartiere | Articoli

EXTRANEWS – Le domande che avresti sempre voluto fare a un “buttadentro” di via Veneto

di Antonio Tiso

“Please, prego, come in. Italian spaghetti alla amatriciana, very good pasta”. Quante volte vi sarà capitato di sentire queste parole a via Veneto o in altre zone della città. Loro, i buttadentro, lavorano in strada, di fronte ai locali, e invitano i turisti, soprattutto stranieri, a sedersi ai tavoli del ristorante.

Antonella, romana di 26 anni, professione acchiappina, lavora al civico 14 di via Veneto. “Cerco di essere convincente, senza infastidire le persone – racconta la ragazza -. Nel tempo ho imparato a conoscerle e a capire come indurle a sedersi. Propongo loro di fermarsi a bere qualcosa. È più facile che accettino. Suggerisco un happy hour o una aperitivo in offerta. Poi, spesso, una cosa tira l’altra e si fermano a cena”.

Antonella abbatte tutti i possibili pregiudizi sul suo mestiere. Ti aspetteresti una professionista istrionica e un po’ invadente, invece scopri che dietro c’è una donna garbata e gentile: “Paradossalmente ho un carattere riservato, ma so fare il mio lavoro con garbo. Parlo inglese e spagnolo, oltre all’italiano, e questo mi aiuta a comunicare più rapidamente. È importante cercare di capire il Paese di origine dei clienti, così utilizzi subito le parole giuste per convincerli a sedersi”.

Ma quanto può guadagnare un’acchiappino? Antonella risponde senza imbarazzo: “Per un lavoro di questo tipo lavori mediamente 7-8 ore al giorno e prendi sui 1.000 euro al mese”.

LEGGI la extranews sul violinista

LEGGI la extranews sulla mamma del quartiere

LEGGI la extranews sui soldati

LEGGI la extranews sui muratori acrobatici

LEGGI la extranews sui fatti storici del quartiere

LEGGI la extranews sull’orto urbano di parco Don Baldoni

LEGGI la extranews su Vanna e il clochard

LEGGI la extranews sul sarto delle star del cinema