19 febbraio 2019 - 19:00 . Trieste-Salario . Agenda

Tutti gli appuntamenti di mercoledì e giovedì nel Trieste-Salario

La settimana nel Trieste-Salario continua con mostre, concerti e non solo. Di seguito tutti gli appuntamenti nel quartiere per mercoledì 20 e giovedì 21 febbraio.

 

mercoledì 20 febbraio

La Casa del Cinema renderà omaggio a Bruno Ganz, l’attore scomparso lo scorso 16 febbraio, con la proiezione dei film “L’amico americano“, alle ore 17, e a seguire “Il cielo sopra Berlino“.

Da oggi al 1° marzo al teatro dell’Opera arriva l’Anna Bolena di Gaetano Doninzetti. A dirigere lo spettacolo Riccardo Frizza, regista Andrea De Rosa.

Alla Silber Gallery di viale Regina Margherita la mostra dal titolo “dell’Arte e dell’Amore“, che presenta opere degli artisti Vittorio Fava e Fabio Ferrone Viola. Una bi-personale che vedrà l’esposizione di oltre 30 opere e che resterà aperta fino al 2 marzo.

Alla Virus Art Gallery di via Reggio Emilia, la nuova mostra di Marcello Grottesi intitolata “Altre Visioni“.

La Casa del Cinema presenta fino al 3 marzo la mostra Frame del fotografo Luca Carlino. Si tratta del racconto per immagini dei nuovi protagonisti del cinema italiano.

 

giovedì 21 febbraio

Dalle 22 una serata vintage e divertente all’insegna del Rock’n Roll al Cotton Club. Protagonisti del live i Bop Meters.

Dalle 18.30 nella sede di SinergieSolidali a via Volsino torna “Musica tutta da bere”. Suonerà Dante Monda e con la sommelier Sabrina si imparerà a distinguere una Pilsner da una IPA.

All’Auditorium Parco della Musica l’Equilibrio Festival. Diversi gli eventi straordinari aperti al pubblico fino al 26 febbraio.

La galleria SpazioCima ospita, fino a venerdì 8 marzo, la mostra Canone Inverso, di Pamela Ferri e Susy Manzo.

Il Museo Civico di Zoologia di via Aldrovandi presenta, fino a domenica 24 febbraio, la mostra fotografica “Ritratto di un pianeta selvaggio“. Un progetto del fotografo naturalista Simone Sbaraglia.

Il Casino dei Principi di Villa Torlonia ospita, fino al 31 marzo, la mostra “Discreto continuo – Alberto Bardi. Dipinti 1964/1984“.