31 dicembre 2018 - 15:50 . FuoriQuartiere . Social

Tmb Salario, la paura non passa. Una residente spiega perché

“Comune, Città Metropolitana e Regione devono formalizzare la chiusura definitiva del sito”. Sono parole nette quelle che Maria Teresa Maccarrone, membro dell’Osservatorio sul Tmb, utilizza in un lungo post su Facebook. A tre settimane dall’incendio su via Salaria, non si placano le paure tra i residenti per la possibile riapertura dell’impianto nel 2019.

“Portare i rifiuti a Ponte Malnome per sei mesi e poi? Facciamo molta attenzione, sei mesi passano velocemente -prosegue -. Il Tmb Salario al momento è sotto sequestro, ma le tre autorizzazioni per il trattamento meccanico biologico, il trasferimento e lo stoccaggio sono ancora in essere”.

Infine la conclusione. Netta, come l’incipit: “È necessaria la revoca dell’Aia. L’area deve essere bonificata. Fra sei mesi l’impianto non sarà più sotto sequestro ma noi cittadini saremo ancora qui e non siamo disposti a subire ancora. Abbiamo già pagato”.

LEGGI le parole del presidente Giovanni Caudo

LEGGI la notizia sulle diffide ad Ama

LEGGI cosa serve per presentare la diffida ad Ama

LEGGI la notizia della lettera del Municipio al ministro Costa

SFOGLIA la fotogallery dell’incendio

SFOGLIA la fotogallery del fumo nel nostro quartiere

SFOGLIA la fotogallery del presidio davanti al Tmb