Trieste-Salario

Cionci e la passione per lirica e scrittura

 Andrea Cionci è un cantante lirico.  “Ho cominciato a canticchiare a diciotto anni – racconta – poi, ho iniziato i miei lunghi studi da baritono”.

Si è diplomato al Conservatorio di Pescara e ha interpretato più di trenta ruoli calcando i palchi dei teatri di tutta Italia, cantando anche in Giappone, Corea e Francia. Si esibisce spesso nei locali del quartiere come Spazio Veneziano (in via Reno 18/A), luogo di ritrovo per la cultura e l’arte creato dal pittore Corrado Veneziano.

“Organizziamo concerti dedicati a degli autori specifici – racconta Andrea – in un connubio tra cibo e opera. C’è, infatti, un’attenta ricerca del menù, che deve essere collegato alla vita del compositore, ad esempio abbiamo proposto ricette scritte inventate da Rossini, oppure piatti che erano particolarmente graditi all’artista”.

Durante questi eventi, l’opera viene introdotta da un esperto e alla fine del concerto si crea una atmosfera social, dove scambiarsi riflessioni e conoscere persone nuove.

Andrea ha anche la passione per la scrittura e la ricerca. Nel 2005 ha pubblicato la biografia di Evan Gorga: “Il tenore collezionista” (edito da Nardini).“È stato un tenore – spiega – conosciuto per la prima rappresentazione assoluta de La Bohème di Puccini. Abbandonate le scene, è diventato un importante collezionista, con il mio lavoro ho contribuito a fare luce sulle sue trenta raccolte, come a riportare all’attenzione del pubblico questo personaggio ormai completamente dimenticato”. Per questo motivo Cionci è stato nominato Cavaliere al Merito della Repubblica.

Scrive per il quotidiano La Stampa articoli su musica, arte e storia militare. Inoltre, ha anche partecipato alla stesura di un volume pubblicato dallo Stato Maggiore della Difesa, “Grande guerra. Un racconto in cento immagini” e, non ultimo, insegna privatamente canto.

(Cristiana Ciccolini)