Trieste-Salario

Chiavarone da lettore a editore con Ensemble

Matteo Chiavarone è da sempre un grande lettore, soprattutto di narrativa e poesia. Una passione che lo ha spinto a fondare una casa editrice indipendente: Ensemble.

Dal 2012, ha creato questa realtà editoriale insieme al suo socio Davide Morbidelli, il quale si occupa in particolar modo della parte commerciale, mentre sua moglie, Cristina Loizzo, gestisce l’ufficio stampa. “Ensemble – spiega Matteo – edita diversi generi: dal romanzo alla poesia, fino al saggio. Siamo i primi in Italia nella pubblicazione di letteratura migrante. Per esempio, ci stiamo interessando molto ad autori balcanici”.

Con Ensemble hanno pubblicato nomi importanti: “Tra questi Jean-Claude Izzo, che non ha bisogno di presentazioni, Gëzim Hajdari (primo autore migrante italiano, poeta internazionale, considerato la voce dell’esilio – a causa dei suoi pregressi complicati col regime comunista albanese), Saša Stojanovic (ci vantiamo di aver tradotto per primi questo rinomato autore serbo), Riccardo de Torrebruna (sceneggiatore, regista, attore e scrittore), Kamau Brathwaite (Medaglia Frost 2015 – il massimo riconoscimento statunitense per la poesia) , Derek Walcott (Premio Nobel per la Letteratura), Mauro Buffa (uno dei maggiori scrittori di narrativa di viaggio italiani), Antonio Arèvalo (poeta, allievo di Pablo Neruda, ex addetto culturale dell’Ambasciata del Cile, che si trova poco prima di Piazza Ungheria)”.

Matteo e Davide molto presenti sul territorio e con Ensemble hanno stampato anche un libro ambientato proprio a Corso Trieste, quello di Federico Leoni, vicedirettore di Sky Tg24, Starry Night, e ha pubblicato con Ensemble anche Isabella Borghese, autrice del quartiere, con il romanzo Dalla sua parte

“Attraverso l’alternanza scuola lavoro con il liceo Giulio Cesare – racconta – cerchiamo di far avvicinare i ragazzi alla lettura e fargli conoscere cosa c’è dietro la pubblicazione di un testo. Oggi ci sono molti scrittori e pochi lettori (ci arrivano ogni giorno dai 50 ai 60 manoscritti) per questo cerchiamo di diffondere il più possibile, partendo dai giovani, l’amore per la lettura”.

La casa editrice è appena stata con il suo stand al Salone dell’editoria di Roma (Testaccio) e a dicembre sarà presente alla manifestazione letteraria Più libri più liberi.

(Cristiana Ciccolini)