Trionfale | Articoli

Trionfale ricorda i suoi partigiani. Piantato un nuovo platano

di Luisa Urbani

Via Andrea Doria ha un nuovo albero. Si tratta del platano “Vallis Clausa” piantato mercoledì 28 novembre. L’albero sorge vicino all’aiuola in cui in precedenza era stato posizionato un ulivo in ricordo di tutte le donne vittime della violenza.

Il platano è stato intitolato a Teresa Gullace, la donna uccisa dai soldati nazisti durante l’occupazione di Roma nel 1944 e diventata uno dei simboli della resistenza. Una decisione presa in seguito alla richiesta di “Trionfalmente 17”, comitato attivo sul territorio e molto attento alle politiche ambientali.

Alberi intitolati ai partigiani

“È importante non dimenticare le nostre radici e la nostra storia, come è altrettanto fondamentale ricordare sempre l’importanza dei principi e dei valori che ci contraddistinguono”. Così Paola De Vecchis, presidente del comitato “Trionfalmente17”, spiega la scelta di dedicare alla partigiana Teresa Gullace il nuovo platano.

Un luogo simbolico perché l’albero è stato installato a fianco all’aiuola in ricordo delle donne vittime di violenza, inaugurata un anno fa sempre grazie all’intervento di “Trionfalmente 17”.

“Questo è il primo platano regalato e piantato dal municipio, nell’ambito di un progetto dedicato all’ambiente ma anche alla memoria perché questi alberi saranno dedicati ai partigiani della zona”. Così Sabrina Alfonsi, presidente del Municipio Roma I Centro, commenta l’installazione del nuovo albero.

La decisione di intitolare gli alberi ai partigiani era già stata presa dagli abitanti del Trionfale nel secondo dopoguerra. Il platano intitolato a Teresa Gullace è solo il primo della serie.

Nuovi alberi per il quartiere

“Il platano è il primo di una lunga serie di alberi che verranno installati lungo la via”. Ad annunciarlo è Paola De Vecchis, presidente del comitato “Trionfalmente 17”. Secondo la presidente in via Andrea Doria verranno piantati altri cinque alberi. Altri, invece, verranno installati in via Fasana, via san Tommaso d’Aquino e via Leone IV.