Cavour | La Storia

9 gennaio 1900, in piazza della Libertà nasce la Lazio

di Marco Liberati

L’inizio del nuovo secolo, l’inizio di un nuovo modo di concepire lo sport, non più ad appannaggio delle elite, ma popolare e universale. Con questo spirito, la mattina del 9 gennaio del 1900, un gruppo di 9 ragazzi si incontrò in piazza della Libertà, nel nascente quartiere Prati, dove al tempo passava la ferrovia per Civita Castellana, per far nascere la Lazio.

Oltre a Luigi Bigiarelli e al fratello Giacomo, erano presenti, Odoacre Aloisi, Alceste Grifoni, Galileo Massa, Arturo Balestrieri, Enrico Venier, Alberto Mesones e Giulio Lefevre. uniti dall’idea di creare una società podistica con cui partecipare alle gare che al tempo si organizzavano nella Capitale. Dalla podistica nacque la polisportiva e la sezione calcio e con orgoglio i tifosi laziali parlano dei loro 119 anni di storia. Il nome venne scelto perchè quelli legati a Roma erano già utilizzati, mentre per i colori, bianco e celeste, fu presa ispirazione ai colori della bandiera greca, simbolo della rinascita dei Giochi olimpici. Infine venne deciso il simbolo della nuova società e in questo caso si attinse all’iconografia romana: un’aquila con le ali spiegate, che avrebbe campeggiato anche nella prima storica sede, sempre in Prati, su via Valadier, a civico 6.

LEGGI questa e altre storie su Prati nel libro edito da Typimedia “La storia di Prati”