Flaminio-Parioli | Articoli

Ecco tutte le aree verdi adottate dai residenti

di Camilla Palladino

Due oasi verdi e curate nel traffico dei Parioli. Sono le aiuole di largo Nicola Spinelli, il punto in cui via Giovanni Paisiello si incrocia con via Saverio Mercadante e via Giovanni Aldega. L’erba è sfalciata, nel prato non ci sono rifiuti, due alberi — uno piantato più recentemente — crescono con gli adeguati supporti. C’è anche un cespuglio di rose rosse. La mini area verde è un esempio di cura e decoro. E si tratta, come ormai spesso accade, dell’opera di alcuni cittadini che l’hanno adottata, prendendosi la responsabilità di manutenerla. Nello specifico, sono rappresentanti di una società che opera nei settori dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e dell’ambiente, l’Agrotec Spa. L’impresa ora si occupa della pulizia di tutte le aiuole e degli alberi in largo Nicola Spinelli e nelle strade limitrofe, come specificano i cartelli.

L’adozione delle aree verdi da parte dei residenti è un’iniziativa diffusa nel nostro quartiere, approvata con una determina del 2014 dalla giunta Marino. Soprattutto da quando la mancanza di manutenzione, unita al maltempo invernale, ha fatto strage di alberi nella Capitale. La redazione di RomaH24 ha già raccontato iniziative simili: dalle decine di rose rosse piantate in piazzale delle Belle Arti dalla proprietaria dell’hotel Locarno, Caterina Valente, alle aiuole verdi di lungotevere Arnaldo da Brescia, curate dall’Associazione nazionale per la tutela ambientale (Anta); passando per piazzale Don Minzoni, il giardinetto restituito ai residenti grazie al lavoro dell’omonimo comitato, guidato dall’avvocato del quartiere, Andrea de Rosa. L’associazione di zona, in più, ha ottenuto il nulla osta da parte del Comune per la cura del giardino delle Crocerossine. E ancora, la onlus ambientalista Greenside Roma ha piantato una lunga fila di rose bianche nelle “sue” aiuole, in piazzale di Ponte Milvio. In tutto cinque aree completamente riqualificate.

E queste sono solo le aree verdi adottate ufficialmente dai cittadini. I volontari in realtà tengono puliti più spazi possibili, nel tentativo di sottrarre il quartiere al degrado. Il manutentore urbano che collabora con i membri del comitato piazzale Don Minzoni, ad esempio, tiene l’aiuola tra via Francesco Denza e via Giuseppe Mercalli come se fosse un gioiellino. Il parco che si trova tra via Giacinta Pezzana e via Ettore Petrolini, invece, viene curato dall’associazione Parco Mario Riva.

Tutti armati di scope, rastrelli e guanti. Ma, soprattutto, fiori.

GUARDA la fotogallery